• foto01
  • foto02
  • foto03
  • foto04

La professione forense sta subendo, negli ultimi anni, mutamenti tanto profondi quanto repentini. Se, da un lato, l’attività forense richiede una sempre più intensa integrazione fra diverse competenze scientifiche e professionali, che determina una spinta verso dimensioni organizzative ampie, dall’altro l’eccessiva crescita dimensionale rischia di vanificare l’insostituibile apporto dell’intuizione e della capacità specifica del singolo professionista, spersonalizzando il rapporto con il Cliente.
Il nostro Studio si propone di coniugare modelli organizzativi avanzati ed efficienti – quali l’archiviazione elettronica dei documenti, la informatizzazione di tutto il materiale bibliografico e la gestione condivisa delle agende, tanto in forma cartacea che elettronica – con il rapporto quanto più personale e diretto con i Clienti, che consente di conoscerne senza mediazioni le esigenze e le aspettative di tutela.
Anche in questa prospettiva lo Studio ha elaborato da tempo una modulistica contrattuale che regola i rapporti con la propria Clientela, articolata fondamentalmente in due tipi di contratto, il primo destinato a disciplinare le attività di difesa nei giudizi civili e amministrativi – settori nei quali ricade la maggior parte del contenzioso curato dallo Studio – ed il secondo deputato a regolare l’esercizio della consulenza e assistenza stragiudiziale, che occupa una parte consistente dell’attività dello Studio.
Ogni acquisizione di un nuovo incarico è preceduta dall’illustrazione al Cliente dei detti modelli e dalla raccolta delle informazioni necessarie ad adattarne i contenuti alle specificità del caso concreto.
Con riguardo al profilo dei compensi, lo Studio ha colto le esigenze di maggiore trasparenza e semplicità sottese al nuovo regime tariffario, privilegiando forme di determinazione del corrispettivo a forfait, con frazionamento del compenso in acconti, legati prevalentemente all’effettivo e concreto progredire della causa o dell’affare e non al singolo adempimento.
Sempre nell’ottica della semplificazione vengono di norma previste, in aggiunta ad un compenso definito “base” e calcolato con criteri di particolare favore per la Clientela, compensi aggiuntivi ed eventuali, legati all’effettivo conseguimento del risultato cui il Cliente aspira.

 

Schemi di contratto