avvocaticcs.it

Pubblico impiego - Prepensionamenti - Le indicazioni del Ministro della Funzione Pubblica

Il Ministro della Funzione Pubblica, con circolare n. 3 prot. DFP 0035606 P-4.17.1.7.5 del 29 luglio 2013, ha fornito una serie di indicazioni omogenee alle amministrazioni interessate al fine dell’applicazione art. 2, comma 11, decreto-legge n. 95 del 2012, convertito con modificazioni nella legge n. 135/2012, nota anche come “spending review 2” in tema di pensionamenti in caso di soprannumero.

In particolare, la circolare ricorda che “l’applicazione della norma può comportare l' "esodo volontario", in caso di dimissioni del dipendente, o la risoluzione unilaterale del rapporto da parte dell'amministrazione, con accesso speciale al pensionamento. Il ricorso ai pensionamenti in deroga di cui al citato art. 2, co. 11 ha comunque carattere sussidiario; rimangono infatti vigenti le normali regole di pensionamento e, quindi, il riassorbimento della soprannumerarietà deve essere compiuto dando priorità ai pensionamenti secondo le regole ordinarie”.

Dopo questa premessa di carattere generale, la circolare affronta dettagliatamente i seguenti profili:

-          destinatari dei pensionamenti in deroga;

-          individuazione delle aree territoriali e/o degli ambiti istituzionali in cui applicare i pensionamenti in deroga;

-          esodo volontario;

-          risoluzione unilaterale del rapporto obbligatoria e pensionamenti in deroga;

-          ambito temporale di vigenza dello speciale regime di accesso al trattamento pensionistico;

-          requisiti di accesso al trattamento pensionistico (disposizioni ante art. 24 del d.l. n. 201 del 2011), distinguendo tra requisiti per la pensione di vecchiaia e requisiti per la pensione di anzianità. Per entrambi i requisiti, sono riportate utili tabelle riepilogative;

-          decorrenza del trattamento (finestra mobile).

-          liquidazione del trattamento di fine servizio o di fine rapporto.

Per maggiori dettagli, si rinvia al testo dell’allegata circolare

 

Roma, 1° agosto 2013